Aerei di notte

aerei e cielo.jpg

 

C’è questa mia amica che sostiene che di notte ci sono aerei che solcano il cielo in lungo e in largo, approfittando del traffico ormai intensissimo ovunque, per spargere polverine che atrofizzano o alla meglio riducono le capacità cerebrali. Ma come: più ancora di così? Sì, sì.. ancora di più.

Le polverine si confondono con il normale pulviscolo atmosferico e con l’inquinamento tipico di ogni zona, sono inodori e insapori e agiscono lentamente, provocando cambiamenti impercettibili ma col tempo devastanti. Colpiscono più o meno tutti, naturalmente in proporzione alle quantità respirate e alla loro purezza e densità, che sono relative al momento in cui vengono sparse, alla vicinanza alla fonte di emissione e, paradossalmente, alla purezza dell’aria, perché la presenza di agenti inquinanti un po’ le smorza. Per questo sono micidiali in alta montagna, dove l’aria è più pura, e sulle coste, dove il vento della sera spazza via tutti le schifezze emesse dai corpi durante il giorno e prepara l’atmosfera alle disseminazioni più incisive (cita come esempio la ventosa Liguria, notoriamente percorsa da orde di pazzi furiosi dai comportamenti fantasiosi e spesso di inaudita violenza, che siano aborigeni o disgraziati villeggianti).

La riduzione è marcata e si può riscontrare senza difficoltà su tutto il territorio nazionale (quanto all’estero, non avendo dati di prima mano, non si pronuncia), ma i più fragili e i più esposti vedono assottigliarsi le proprie capacità fino a forme quiete (o quiescenti) e apparentemente innocue di demenza, sempre compatibili con le minime necessità di sussistenza lavorativa e sociale tuttavia, che in certe circostanze favorevoli, scatenate motu proprio o provocate ad arte, esplodono in gesti immotivati quanto feroci, all’apparenza (ma solo per chi non sa) inspiegabili.

Ne è certa: lo spafumiaereo.jpgrgimento è periodico e anzi negli ultimi tempi si è intensificato. Non vedo anch’io la gente, come si comporta?, cosa dice e pensa?, meglio: cosa le passa per la testa e ne emerge sotto forma di gesti e parole?, come reagisce a ogni minimo inconveniente?, come ogni piccola osservazione dà luogo a urla e aggressioni? E coltelli e botte e pistole e risse… e tutti quegli uomini che ogni giorno uccidono donne incontrate per caso, e amiche e madri e mogli e figli?

I più a rischio sono quelli che sono in giro di notte e di primo mattino, perché ormai il baricentro della cosiddetta vita si è spostato lì, tutti quelli che si divertono e sembra che ci riescano solo molto dopo il tramonto, e quelli che delinquono, e i tanti poveri sfruttati che a quelle ore lavorano, – che loro in fondo non ne hanno colpa ma poi senza saperlo sommano anche questo pericolo a quelli dei loro mestieri malpagati e mal protetti…

L’unica soluzione allora è di uscire il meno possibile la sera, o quantomeno di stare il meno possibile all’aria aperta; starsene buoni buoni in casa e mettere i filtri all’aria condizionata, tenere chiuse le finestre e se proprio indossare mascherine anche a letto. Per il resto, aspettare che il sole sia alto prima di uscire, sbrigare le faccende senza cincischiare, non stare troppo a chiacchierare nei luoghi pubblici e nei negozi e applicare queste norme elementari anche sui luoghi di lavoro. E infine sperare di non accorgersene quando prima o poi si sarà colpiti, in modo da continuare la vita di sempre come se niente fosse. Come stiamo già facendo ora.

AEREI NOTTE.jpg


Aerei di notteultima modifica: 2013-09-11T13:44:00+00:00da luigigrazioli
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Racconti immobili. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Aerei di notte

Lascia un commento